mercoledì 12 ottobre 2011

Paternità negata e riconosciuta

Ora si volta pagina


Il Mattino di Padova di oggi ha pubblicato un mio articolo sull'esito della vicenda che ha tenuto nel dubbio molte persone, in questi ultimi mesi. Nel frattempo il forum Manda un messaggio di sostegno si è arricchito di commenti profondi e intelligenti. Ha instaurato anche un rapporto con la madre del bambino di Spoladore. In certi post si è rivelata, confidata e sfogata.
Ora, con la sentenza del giudice del Tribunale dei Minori, si è voltata pagina. Ma un'altra è pronta per essere scritta. Quella che riguarda il riavvicinamento di un padre nei confronti del figlio, e viceversa. Quella di un uomo che decide di imparare a fare il padre, fino in fondo. Aldilà degli assegni di mantenimento!


Amici di don Paolo, aiutatelo!

di Federico Bollettin

Il tribunale degli uomini ha giudicato un uomo di Dio. La Verità ha vinto. La madre ha ottenuto giustizia. Il padre spirituale di folle è il padre biologico di un bambino di nove anni.

E adesso? Cambierà qualcosa? Mi risuona il ritornello del suo canto più famoso: soffierà, soffierà il vento forte della vita, soffierà sulle vele e le gonfierà di te… Ora che i dubbi sono stati spazzati via, chi dubita ancora dovrebbe allora dubitare della propria paternità o filiazione. Di tutto.

Banali e inutili i soliti dibattiti su celibato dei preti e castità, ormai Padova è la città dei preti innamorati e dei preti papà e la Curia non organizza nessun incontro per affrontare seriamente la questione.

Non è nemmeno il momento di esultare per l’esito di una sentenza sofferta, senza vincitori né vinti. Problematico sarebbe infine il silenzio e l’indifferenza delle centinaia di persone che continuano a frequentare i corsi del donPa, o che lentamente si stanno riversando in gruppi caratterizzati dal medesimo stile.

Mi rivolgo agli amici e alle amiche di Paolo: non abbandonatelo! Per un attimo guardatelo come uomo, semplicemente come uno di noi, con le sue difficoltà e le sue responsabilità. Ci saranno due, tre persone, particolarmente vicine a lui, che gli vogliono veramente bene e che lo possono aiutare?

Lo so, la risposta non è scontata, ma per ora è l’unica strada. Non sarò di certo io o il vescovo o i suoi fans che potranno farlo. Si tratta di accompagnarlo lungo un percorso di riavvicinamento al proprio figlio e al proprio essere padre. Riavvicinamento graduale, non imposto, ma certamente liberante. Per il suo bene e per il bene di tutte quelle persone che hanno trovato e continuano a trovare vantaggi e benessere dalla sua attività.

Proprio stasera, a meno che l’incontro non sia saltato, Paolo Spoladore terrà un corso su come spirito, mente e corpo parlano e comunicano tra di loro. Sul sito ki-ta.org si trovano le indicazioni: ore 20, Centro Il Bel Pastore, Santa Maria di Sala (VE).

Se qualcuno alzerà la mano e gli chiederà spiegazioni, ma soprattutto se qualcuno in privato lo farà riflettere, allora il corso sulla comunicazione avrà davvero dato i suoi frutti!

(da Il Mattino di Padova del 12 ottobre 2011)

8 commenti:

  1. Fede, carissimo, coraggioso e amorevole uomo e padre, non finirò mai di ringraziarti!!
    Dio benedica te e la tua splendida famiglia!!
    G R A Z I E!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Ecco l'articolo su Il Fatto Quotidiano! http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/10/13/padre-paolo-padre-davvero/163549/#comments

    RispondiElimina
  3. salvo a emma u13 ottobre 2011 23:21

    Non temiamo: sta in una botte di ferro e...


    Il nuovo centro di usiogiobbe oltre alle conferenze sembra offrirà uno spazio
    ascolto anche a sostegno di persone e genitori in difficoltà . Quindi questo paziente sarà sicuramente curato, e gratis, all'interno della sua nuova stessa azienda e grazie alle efficaci cure dei collaboratori

    RispondiElimina
  4. sorveglliato speciale a vista

    paolo si presentava già ai corsi e concerti sempre scortato dalla onnipresente fabiola, innavicinabile ed ora pare la sorveglianza sia stata rinforzata.
    nonstante tutto c'è un medico ed una serie di volontari che lo affiancano...
    ora le gente è informata della disarmonica contrapposizione tra pubblico e privato.
    aiutiamo piuttosto chi è in reale pericolo ,difficoltà, solo, senza mezzi, stanco.
    entrare nell altro, sentire il suo dolore, non poter restare a guardare, condividere le croci...il vangelo se non è questo diviene uno strumento nelle mani di ipocriti farisaici ladri di pecore

    Grazie

    ci rimase impressa questa frase che diceva così: se a quello che ti passa vicino mettono chiodi e spine e tu vieni ferito anche di striscio o bagnato da quel sangue, beh, da quel momento cosa potrà accadere alla tua vita? in cosa si trasforma? a cosa si apre? e se invece di aprisri si chiude, perchè si chiude?

    RispondiElimina
  5. Fede grazie per queste righe profonde, umane, disincantate e scritte anche a partire dalla tua esperienza di vita; la tua dico, anzi, meglio la vostra. Grazie del dono dell'amicizia e della bella serata passata insieme in famiglia. Ciao.
    Ivano

    RispondiElimina
  6. senza parole davvero dinnanzi al sorriso sornione e quasi compiaciuto di questa persona che sostiene " ci sono e sempre ci saranno preti CHE FANNO QUESTE COSE" e poi quasi teatralmente , si fa serio perchè chiamato a rivestire il suo ruolo ufficiale di portavoce e...disquisice sui compiti del tribunale
    ecclesiastico oramai costretto ad intervenire


    ma con "queste cose" a cosa si riferisce? alle reazioni clandestine e ai figli nati da tali relazioni? o al far si che per anni una donna sia costretta al silenzio (x senso di colpa,vergogna , consapevolezza di non essere creduta o altro?) e che quando finalmente si libera da condizionamenti medievali venga irrisa, offesa, messa a tacere e debba rivolgersi ad un tribunale? questo sacerdote che parla nel video è sensibile al "caso umano" spoladore "che molto ha fatto x la chiesa" (e sprtt la società che ha l'esclusiva dei corsi e libri )

    ma al caso umano e strascichi della donna e del bambino lo è altrettanto ? e di eventuali altri casi come questo?
    chi sosterrà le spese del tribunale che ovviamente nè spoladore nè usiogope andrà a sostenre? ancora una volta questa donna?
    noi cittadini, magari non cattolici e stanchi di queste doppie triple identità e travestimenti?

    Indignarsi, no? scrivere una lettera a Bagnasco su Berlusconi. E su questo caso pietoso, no? Don seppia è sottoposto a fermo ed indagini su stato salute e mentale. E qui?

    PRETE PAPA NON FA SCANDALO

    http://www.youtube.com/watch?v=PV2XmpzWszk&feature=related

    RispondiElimina
  7. AVVENTO
    Se sulla paternità qualcuno oserà muovere dubbi o perplessità o timori ,sulla maternità non oseremo mai declinare responsabilità ed assumeremo l'evento come un dono per l'umanità intera. Nonstante la fatica, la paura, l'incertezza, le porte sbattute in viso e l'abbandono
    Un incoraggiamento a tutte le donne e madri di ogni tempo.


    http://www.youtube.com/watch?v=zAtzxcrMDl4&feature=mfu_in_order&list=UL

    RispondiElimina
  8. e qualcuno aiuti anche gli amici di don Paolo.

    ps per federico: potresti leggere nel sito peopleinpraise (amici di dnpaolo) il commento al vangelo di oggi con part riferimento all'immagine evocata di satana e sua associazione alla donna?...e pensare che uno dedica una buona parte della sua vita a liberarsi da certe letture artificiali e malefiche...che poi QUALCUNO
    fa rientrare dalla finestra (la finestra è stato per anni il simbolo di usiogope...ora il simbolo è l'interrutore acceso/ spento ED INFATTI CI HANNO proprio SPENTO...mentre il logo di people in praise è la faccia di gesu in versione simigliante a spoladore)
    GRAZIE...

    RispondiElimina