lunedì 10 maggio 2010

Due volte mamma

A tutte le mamme che si trovano a fare anche da padre, con un grande senso di responsabilità e di inadeguatezza...
una lettera, uno sfogo, un abbraccio!

Caro Fede,
volevo un padre per mio figlio
volevo che si sentisse amato
volevo che si sentisse scelto
volevo che non si sentisse rifiutato
Mi ritrovo dagli avvocati
in un tribunale che giudicherà
giudicherà suo padre ma forse anche me,
giudicherà la salute psichica di mio figlio,
l'adeguatezza del mio essere madre.
Io, che ho cresciuto mio figlio come un fiore,
posso permettere che venga calpestato?
Per ottenere soldi?
Per ottenere un cognome pesante?
Come dice mio figlio, scherzando: "Preferisco vivere..."

Figlio,
ti amo con tutta me stessa...
darei la vita per te...
perdonami se ti ho fatto soffrire, perdonami se ho combattuto per la tua dignità di uomo, perdonami se ho chiesto cose che, magari, nemmeno volevi...
ti lascio crescere come desideri, nell'amore e nella verità...
Questa è la dignità che posso donarti. Sii forte e sereno, nulla ti spaventi, nulla ti turbi,
io sono con te...

tua madre

5 commenti:

  1. Grazie Federico per la condivisione di questo frammento di lettera così intenso e profondo...
    Ivano

    RispondiElimina
  2. leggere le nuvole25 maggio 2010 00:56

    ...condivido con te una domanda ed una preghiera

    In questi giorni possiamo trovare un modo
    concreto per sostenere questa mamma, che immagino travolta da ostilità, dinieghi, rifiuti, incomprensioni?

    Immagino la sua pena e tutte le difficoltà
    che ha scelto di affrontare
    Da sola.
    Senza body guard, uffici stampa, redditi da dilapidare tra le grigie stanze di un tribunale.
    Senza il consenso e l'appoggio che tanto dolore vissuto le farebbe guadagnare d'ufficio.

    Immagino i dubbi e tormenti, i timori e le lacerazioni di ogni giorno passato e presente
    E tutto il peso sulle sue spalle

    Noi evoluti che, "inamidati" tra tanti corsi e sequele, brandiamo parole del vangelo come lame affilate e dimentichiamo la carità, cosa possiamo fare per lei e la sua famiglia ?

    Tu che sei forse in contatto con lei sostienila il più possibile.

    Ogni tanto possiamo ritrovarci qui per un pensiero, una frase gentile?
    Anche altri lettori potrebbero unirsi a noi,
    anche solo con una silenziosa intenzione...

    ...Qualunque sia stata la realtà che ha coinvolto questa persona e il suo bambino,
    facciamo in modo che entrambi non si sentano un ostacolo , clandestini d'amore, traditi.

    A tutti noi giudicanti, dimentichi dello slancio del buon samaritano,
    auguro di recuperare un po' più umanità...

    A che serve recitare "ama il prossimo come te stesso" se :
    - non sappiamo amare, che cos'è l'amore e non ce ne siamo ancora accorti pur continuando ad insegnarlo agli altri!!!
    -il nostro prossimo lo esiliamo con la nostra indifferenza, il cinismo, l'arroganza e maggiore prepotenza ogni volta che ci accorgiamo
    che le sue esigenze cozzano con le nostre,sono un freno ai nostri progetti e alla ns ambizione?????
    ...

    Che l'Amore possa con il suo passo fermo raggiungere presto la corsa affannosa di quell'uomo che lo vuole sfuggire .
    Con il pretesto di correre e voler arrivare più velocemente , per non farsi da lui superare , quell'uomo volta le spalle ai sentimenti e non puo' bearsi della loro presenza.
    Così , quando arriva al traguardo, si ritrova sopra un podio desolato e con nessuna medaglia preziosa appoggiata al cuore

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  4. Festa di Tutte le Mamme

    La risposta di Dio

    Un bambino chiese a sua madre :
    "Perché piangi?"
    "Perché sono una donna" gli rispose.
    "Non capisco" disse lui.
    La madre allora rispose :
    "E mai riuscirai a capirlo, bimbo mio"

    Allora il bambino lo chiese a suo padre :
    "Perché la mamma piange? "
    "Tutte le donne piangono senza una
    ragione", fu ciò che il padre rispose.

    Diventato adulto, si rivolse a Dio
    chiedendo: "Signore, perché le
    donne piangono tanto facilmente ?"
    E Dio rispose :
    "Quando creai la donna, decisi
    che doveva essere speciale.
    Le diedi spalle abbastanza forti da
    sopportare il peso del mondo...
    Ma talmente graziose e morbide da
    dare conforto nel loro abbraccio.
    Le diedi il coraggio di resistere e
    andare avanti quand'anche l’intero mondo
    fosse stato vinto dallo scoraggiamento...
    ed anche la forza di prendersi cura
    della propria famiglia, oltre ogni fatica
    o malattia.

    Le diedi la forza di supportare i difetti di
    suo marito e di rimanere sempre
    al suo fianco.
    Le donai la capacità di amare i propri
    figli di un amore incondizionato,
    anche quando questi l’avessero ferita
    nel profondo.
    Ma soprattutto, le diedi lacrime da
    versare ogni qualvolta ne avesse
    sentito il bisogno.
    Vedi figliolo, la bellezza di una donna
    non traspare dai vestiti che indossa,
    né dal suo viso o dalla maniera di
    pettinarsi i capelli.

    La bellezza di una donna risiede nei
    suoi occhi. Essi sono la porta d’ingresso
    per il suo cuore ; il luogo dove risiede
    il suo amore.
    Ed è attraverso le sue lacrime
    che puoi vedere il suo cuore."

    (Anonimo)

    RispondiElimina